Salvatore Leone – Hammam 2012

Venerdì mi trovate all’inferno
unto di mandorle e catenacci, nel tremolio
di acque gelide e poi bollenti
e nei lamenti che consumano la fronte
ampie carni gettate a fianco

guardo l’incavo sofferente 
all’addome del barbuto che si accascia
in un giorno di pietà e sole.

Ci trovate qui
nelle brezze che si confidano al petto.
Nel ritorno di gelsomini consacrati
a pulirci le schiene l’un l’altro.
Nella pace che abbiamo nascosto
a dio, le arrese hanno ancora
sangue negli occhi, le più nude
commozioni a battesimo
e la luna che sporca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...