Irene Pellegrini – Due poesie da “Albe crepuscolari”

Avvizzire

Avevo un fiore sulla terrazza
perché colorasse i giorni senza sole
profumava di buono e di speranza
come i sogni che si fanno all’alba.

Poi ha iniziato ad appassire
e io non ho sognato più;
ora che il vaso è vuoto
le mattine piovose puzzano di asfalto.

*

Istanza di rimessione in termini

Se fossi arrivata prima,
quando i campi di terra bruna non erano
spruzzati di chiazze di neve argentea
e nessun cerchio dorato delimitava
superfici dapprima libere,
avrei potuto chiamarti per nome?

Se non fossi nata
fra l’ultima sera di un secolo indicibile
e gli albori di un millennio ancora oscuro;
se non avessi ereditato troppe domande
senza risposta
saresti stato capace di amarmi?

Se il giogo dei miei anni
fosse più pesante di oggi
– più insostenibile di così –
se delle increspature già da tempo solcassero
il liscio riflesso del mio volto allo specchio
mi fasceresti – adesso – di bianco?

2 Comments

Rispondi a Tiziana Banelli Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...