Gianfranco Vacca – Poesie da “Se il silenzio se io ascolto se i tamburi”

Un secchio ha la sua fisionomia

anche se rivola come un colabrodo
è fiero, avventuroso 
con una leggenda 
un futuro da riempire 
che attinge e ne gronda infinito
risalendo dal pozzo alla luce.

Capri

Ieri è storia
ieri è leggenda
una copia o un falso
di ogni presente.

Ieri ero io –
oggi sono sempre io
il gemello – di allora.

Ieri una rosa era una rosa
il suo profumo
ancora oggi
è la rosa profonda
della mia memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...