Joan Josep Barceló i Bauçà – Poesie da “Elettronegatività”

l’esterno del fogliame del mercurio

nell’amalgama del mercurio il sangue è così rosso
che fermenta tutti gli incubi dell’ansia,
e sigilla il diaframma della membrana sacra.

coloro che mangiano le proprie viscere
e divorano gli altri sono le bestie feroci e cieche
del mondo dell’oscurità.

se c’è un paradiso, essi non ci saranno,
sono corpi vuoti, che tempo fa
hanno venduto l’anima al diavolo.

*

la religione proibita dello scandio

la luna bianca mi ha detto
che l’incertezza
dorme nascosta in un parametro senza entrata né uscita,
mi ha detto i segreti
per crescere a dismisura.

ora puoi scegliere
il disordine nel mezzo della notte o il caos nel buio.

e io ho già imparato a nuotare.
l’ho imparato nuotando,
solo nuotando.

quindi ora mi sembra che il tempo e l’orizzonte
abbiano una certa somiglianza con il linguaggio dei pesci.

*

lacrime di neodimio

ho commesso il peggior peccato dei peccati,
ho coltivato spine nel centro del mio cuore,
ho permesso di rallegrarsi
come quelle di una pianta del male.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...