Mattia Tarantino – Poesie da “Fiori estinti”

Da Fiori estinti (Terra d’ulivi, 2019) * La stanza Si ammala la parola, le mie vertebre si curvano in silenzio. Non piove che acqua sporca, e questa stanza è troppo bianca: morirò nel singhiozzo delle allodole. * Un salmo usurato Comando che il tuo cuore tossisca timido, tra le mani degli angeli. Poiché non fui che un salmo usurato; il profeta dei morti e il … Continua a leggere Mattia Tarantino – Poesie da “Fiori estinti”

Letizia Di Cagno – Cinque poesie da “Urla la fine che pianta germogli”

Dentro di te Svegliami da questi passiche imbiancano una notte mainotte, dall’interno fischiato degli alberi,lunghe steppe, raid desertici,chiamata dentro di te una volta ancorala timidezza di essere al mondo. * Se fossi Se fossi una materia meno distruttivadel tuo respiro periferico,io le prenderei tutte insiemele insignificanze per come sono,se solo fossero. * Anno Domini MMXVIII Il giorno incomincia dai vestiti sudati.La disidratazione dall’acqua.Questi sottili ricatti … Continua a leggere Letizia Di Cagno – Cinque poesie da “Urla la fine che pianta germogli”

Danilo Luigi Fusco – Due poesie da “Trenodia”

I – Felice ho visto anche il mio nome pagato in esergo al prete perché mi desse abiura a quelle lettere in mezza sineddoche di firma. Cercavo l’urbano orbo a portarmi in nuova Chiesa ché addestrasse pensieri e cani. Era una villa sepolta dove dormivi, Donna sotto un balcone a forma d’abside gocciolano grondaie nere d’acqua benedetta a inchiostro. Voluta l’arte è il fascismo dei … Continua a leggere Danilo Luigi Fusco – Due poesie da “Trenodia”