Gianni Ruscio | L’ottavo giorno

a cura di Francesco Terracciano
«Un’opera è, prima di ogni altra cosa, il suo venire al mondo, il suo occorrere e manifestarsi, il suo ad-venire, e quindi nient’altro che un passaggio di stato, un evento di cui si dà per scontata la verità prima ancora di averla conosciuta»