Luigi Carotenuto – Krankenhaus

Ricordo il bianco dei locali,
l’odore infetto dei disinfettanti,
la Madonnina e al suo fianco una rosa.
Ricordo il disgusto, il frutto offerto
che non ho raccolto.

*

La malattia ti ha reso gentile,
fai il galantuomo con le infermiere,
vorresti mettere la firma,
il foglio non si trova.

*

Non sono capace di devozione.
Se vuoi, però, so trovarti
i difetti migliori, quei pregi
presentabili che non destano invidia.

*

Il bar è un santuario per i disperati.
La perpetua del barista la dà a bere a tutti
da sempre. A sera raccolgono con le mance
battute infelici, licenziamenti, divorzi,
braci di cronaca.

*

Non so darti lezioni su come si soffre
garbatamente sul filo del mondo,
questa è roba da equilibristi,
barcollo da sempre. Cosa posso offrirti?


I versi che proponiamo sono tratti da Krankenhaus (gattomerlino, 2020)

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...