Francesco Russo – Versi inediti

Nella teiera che fuma di croci 

l’impiccagione dello straniero. Nella

balera i baci sul cemento armato

segnano l’ultima distanza. La stanza

è il rovescio a tutto questo verde

rovesciare. Certamente amandoti

ho inorgoglito la mia gloria

perché tu sei la punta maestra 

di una rosa che quietava tutti i chiodi 

ed eri senza senno ed io ti amavo 

ennesimo quando ennesimo il chiodo

sul soffitto rifissava la mia amata corda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...