Giovanni Perri – Versi inediti

c’è sempre quest’acqua nella voce, un dire che porta residui
di terre, qualcosa che resta di sotto a sopire; si aspetta
un gesto del corpo, una mano che scenda nel buio, tenga nella corrente
il suo piccolo covo dove farsi scoprire.

Parlarsi piano è questo cercarsi di notte
avere la quota del bene, sentire come la percezione del bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...