Gianni Ruscio – Poesie varie

Non vi sia lettera nel fato

sillaba nell’alterna foce.

Singhiozzo di rupe e di iato

scava dentro al gozzo

e riproduci dal pozzo

sterminato

le tube del firmamento.

*

Con la tua scintilla accendi le stelle

che si disgelano dalla frequenza del sonno.

Il bambino dorme, e coi suoi occhi rigenera

la nostra visione. Col suo alito

la fiamma si dilata

dilegua la mente batte sul niente

l’ancora inconsistente del presente.

*

Camminami scalza, calpestami

sulla vigna dei tuoi cavalieri.

Tirami a te con briglie di foresta

assalimi mentre non me l’aspetto, un agguato

del gatto e della tigre.

S’ingrossino le tue acque, io sarò argento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...