Alessia D’Errigo – Una poesia

Tu che sei strada, che dal porto porta al fiume

che dal resto porta al mare e così via

fino all’apice di ogni contenuto.

Sappi amare questa forma impermanente di me

i suoi frutti, come magnifica vitalità di atomi

a tornire l’irragionevole assetto delle assi

il senso disseminato dell’udire che porta calore alle finestre

ai barbagli dei mercati, all’udienza enfiata e debordante

che ha la solidità dei corpi, fino all’increspatura iridescente

del reciproco intuito di essere, rami spampanati

di uno stesso albero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...