Luca Crastolla – Due inediti


le parole a quel tempo -per un lungo tempo-

cadevano dal cielo allestito per il gran teatro dei giusti

Piovevano affilate

con vizio di procedura e di sentenza

per dividere un pane

ancora esangue e già raffermo.


Le strade stavano crocifisse ai sensi unici

poiché tutto era diviso:

in casa tua il bene, in piazza

la nera mangrovia delle streghe.


Così il bene confinato sconfina nella disfatta

ed io tornerei bambino

per aver solo fame e nessun pretesto

E non sapere nulla del salario

con cui hai preso in affitto

una nomenclatura da primo testamento

e sfrattato i grandi fiumi dalle vene


*


tu, indole calcarea, vuoi la pace

insegnare alle foglie -vuoi

ma attraversa il confine

una trita discordia di radici

fomenta dai quattro cardini, rovinoso

un maestrale di scienza meschina


I sovrani piccoli piccoli

blindano regni da poco a di meno

nelle dimensioni di un soldo di rame.

Il giardino della felicità è un bisticcio di fiori

quello dell’orgoglio una collezione di statue

I bambini non vivono con noi

non più, dall’ultimo trasloco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...