Giorgia Esposito – Delirium

Tremavi nelle mie mani e io nel tuo
gesto forastico e notturno, quando
scagliavi l’occhio oltre la finestra
in fitte palazzine di luce smorta.
Ricordo il respiro straniero e malato
dietro le pareti – presagiva sogni
terribili e ansante tu parimenti.
Ricordo ancora quando dicevi:
“tutto si riconduce a mia madre”.
Volevi scomparire ma imbellettato
scambiavi l’affetto con la nevrosi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...