Vernalda Di Tanna – Un inedito

Una sete agli occhi cucita
con punti cardinali è un sale
che stride sangue nell’iride
è un filo che si fa
spasmo – il vapore dischiude
le gemme e un respiro nasce
presto, troppo presto nascoste
le vene giocano al buio, morbide
e spericolate alla carne offrono
silenzio. Solo silenzio.

Chiede muta la terra un altro giro
screpolata in venature di smeraldi
sintetici scorre la natura è una giostra
che scroscia siccità e sali
per acqua ad ogni foglia. Toglie
il suo cappello il contadino dal trattore
scende, impreca contro Giuda: ha una fame
scura che si stende ad ingiallire il grano.

Questa fame vien presto detta sete.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...