Beatrice Orsini – Versi

Forse potresti offrirmi un piccolo sonnifero,
fare finta ch’io abbia un nome, fuori dai libri;
non credo possibile un dramma migliore.

Le cose portano in dono la loro malinconia
dei lutti non sappiamo più fare a meno;
poco meno azzurre di un cielo
queste sconfitte.

Da lontano ti immagino camminare
con il fardello di un feto sulla pancia:
non è qualcosa che si partorisce,
non è neanche qualcosa
da cui si guarisce.

Parole tratteggiate nell’aria e affidate al caso;
le muse hanno piedi e mani di fuoco.
Nei vasi, fino ai miei occhi, nidificano i tuoi fiori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...