Davide Cortese – Inediti

Ho negli occhi il sigillo del buio.
Porto un nome tremendo di luce.
Ti incontro nello splendore di un attimo:
il solo  in cui siamo eterni.
Nel pugno il dado di un demone antico.
Perdona.
Il mio nome
è addio.

*

Poso lo sguardo su cose di un altro tempo.
Bado al loro perdurare in questo tempo.
Sono testimone di un misterioso patto
tra ciò che fu prima e ciò che sarà dopo.
Un patto stretto in un eterno adesso.
Da una crosta di smalto su un vecchio volto di latta
mi sorride un acrobata che ancora si chiama Jimmy.

*

L’orsetto che ama
ritrovato a brandelli,
sventrato da un cane nel giardino di altri.
In una fitta di silenzio,
il bambino.
Sorpreso
dalla luce leggendaria del dolore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...