Crescenzo Picca – Versi

Settembre

Sento i grilli cantare alla finestra.
È un coro che reca il remoto odore
di fratte quando affrettando la destra
correvo al richiamo del genitore.
Allora calava sera, e maldestra
la mia voce s’adagiava al rumore
di quelli, che parevano un’orchestra
affinché m’assopissi di dolci ore.
Nei miei sogni trattenevo al piede
un paio di scarpe e un pallone rosso.
Quel suono ha ora il fracasso delle cose
che prima di andare furono rose;
quel grillare è la stagione che chiede
una replica al sipario già smosso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...