Anna Maria Curci – Inediti da “Opera incerta”

Seduta sulla riva, traghettata

Seduta sulla riva,
traghettata,
sta l’interprete assorta
e deglutisce.

Gambe conserte,
ora solleva il granchio
a lungo inseguito e afferrato.
Stomaco insorge, mentre lei rimira.


Dell’Angelo


Restano mute le parole di prima,
la luce stempera il bruno della crosta.


Tace il rancore, e l’ala ripiegata
aspetta l’altra, insieme voleranno.


L’occhio che anticipa e la mano protesa
accolgono il sorriso, dopo tanto.


Leggere versi all’alba

leggere versi all’alba
salutare maestri
nel vento freddo 
dell’oscuramento

spogli di scuse
fronzoli intrisioni

è luce       dopotutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...