Alessandro Mazzi – Poesie da “Avanzi nudi”

Sa l’autunno la sua quiete,
il suo tempo non è genitore,
così guardo la vita
sul cavalletto rotondo,
l’immagine non rimanda
lo specchio

*

Mi bacia il pianto degli elementi,
collerico mentre passo
sotto l’arco sventrato
dal liuto delle statue,
suonano le pieghe
dei maniscalchi,
la loro arte leviga
la sera

*

Mi dicono che è colpa mia
se sono disoccupato,
io vorrei soltanto
sentirmi accolto
dalla tribù che ho lasciato
prima di essere nato

*

Costretto a vivere
rinascite su rinascite,
cerco maestri negli alberi
e padri nelle onde,
questo è il dolore
degli orfani

*

Ruggisce la luna
al guado del sangue,
impreca un uomo
giù per la strada,
il cielo è una grotta
per le nuvole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...