Jacopo Curi – Poesie da “L’immagine accanto”

Saremo oltre lo schermo
senza connessione
con gli occhi aperti al buio
nel luogo dove eravamo
prima di venire al mondo
e di cui non ricordiamo nulla.

*

XY

L’altra vita che nessuno ci restituì
chissà se c’incontrammo già allora
ché mi sembra di conoscere
la natura ossea dei tuoi zigomi
ogni volta dietro casa tua
dove rimane traccia delle genetiche
per riprodurre le ife la vista
gli ologrammi degl’incontri.

*

Nel tirare le somme
abbiamo sviluppato
un’area d’intersezione
un senso di vergogna
una specie di riserbo.
Ora batte nel polso
l’estate che per poco
ancora si nasconde
mentre un futuro fioco
aggiunge altro passato.

1 Comment

  1. La quasi totale mancanza di interpunzioni segna il flusso continuo di comunicazioni fra il reale e l’immaginato, fra il vissuto e il trascendente. La consapevolezza del mistero non diminuisce la presa del pensiero sulla vita che si palesa e si nasconde…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...