Giuseppe Settanni – Poesie da “Blu”

L’ignoto


luci accese
e non si vede nulla

*

La colpa


saziami il disgusto di tenerti
lontana
con una corda appendo lettere sbiadite
l’amore passato accende il calice
rubami il lamento del piacere
mai toccato


il pianto del bimbo appena uscito dal ventre
accusa l’ora fatale


non è fuoco quello che perdona la mattanza

*

Musica spezzata


racchiusa in una culla di ferro
la farfalla velenosa mangia corpi dilaniati
dal furore e dalla notte
con l’avidità di una crepa
aperta in un muro abbandonato


l’ingorda divinità non riceve
suppliche di fuoco


stupefatto, il creato osserva
la fissità del cannibale voluttuoso
e del tiranno inerte
con la rabbia di chi tira la corda
di una campana spezzata
che ha visto cadere i suoi rintocchi
per una verità mai difesa dal suo signore capriccioso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...