Berenice Val – Poesie

Andavamo al laghetto
a lanciare neuroni nell’acqua;
parlavamo dell’oro riflesso nell’argento.

Il buio bussava sui tronchi.

Noi vuoti come i mari della luna
così ci hanno cresciuto le piante:
inutili, eccentrici, malvagi.

*

Quel campo buio sotto casa
i suoi capelli intricati nella terra
è proprio qui, lontana
un quadro appeso
il collo acrilico
rotto.

Il cigno che guarda il fiume
volto di una casa diroccata
da osservare per ore
i vermi che entrano ed escono.

Sui ciottoli umidi, imbambolato
non vuole alzarsi per conoscere Settembre.
Dopotutto
lo conosce da sempre.

*

Settembre mi tira per le vene
fuggiamo dalla fornace,
dalle mele gonfie;
mi spiega sottovoce
come togliermi il cappio da erede.

Occhiaie di grafite, gentile insonne
sulle tue viscere di legno
stenderò la cera;
smetti di tirare.
Ci rivedremo sulla pira.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...