Biagio Accardo – Poesie da “Ascetica del quotidiano”

È stanco il nostro dio
e non risponde. tace.
Sui lunghi pontili
la cima gettata
non trova appiglio
non c’è mano che la raccolga.
Bisognerà immaginarselo
questo dio, bisognerà
abituarsi al suo lungo silenzio.

*

dio – ogni volta che si dice il tuo nome,
ci si divide e qualcuno muore.
tacerò il tuo nome: che di te
non si sappia più nulla.
Sciolto dal pensiero che ti definisce,
ritorna a essere desiderio,
come il volto di una donna che ci visita
nelle notti di solitudine.

*

Sono qui, sono altrove.
la casa non è un luogo:
è una presenza
di cui spesso
dimentico il nome.

*

Cancella il suo nome da tutte le porte,
se restano chiuse.
Fondi le chiavi se non aprono stanze.
Ma non fissare l’ora del suo arrivo.
Giunge quando è l’ora.
Giunge quando è tempo che una foglia si apra,
quando una ciliegia è pronta a cadere,
quand’è solo da cogliere e da mangiare.

*

Fammi tornare alla fonte
dove abbiamo raccolto acqua
da bambini: vorrei metterla
ancora nelle brocche
e impregnarmi del suo sapore.
Fammi rifare il bagno
in quella pozza, nonostante
il fango. Fammi risentire addosso
il sapore di quel primo dio.

*

Grazie alla Samuele Editore per la segnalazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...