Gerardo Masuccio – Poesie da “Fin qui visse un uomo”

riflessione sulla poesia


Non ha senso
e ne dà. Come un giglio
che gridi a chi passa,
da un ciglio di via:
“Fin qui visse un uomo”.

*

Ti ho vista salire le scale
nei passi di un’altra
e del tuo riflesso ho colmato
un istante di vuoto.
Quando, edera muta, tu invadi
le crepe di questo mio muro,
non mi resta di me che maceria.

*

Certo il mio amore è la colpa
di un liuto scordato
che rischia la nota,
ma vivo di te o già morto
io non posso durarti oltre.

*

Grazie a Interno Poesia per la segnalazione. Le poesie sono tratte da Fin qui visse un uomo, in uscita il 21 maggio

Un pensiero su “Gerardo Masuccio – Poesie da “Fin qui visse un uomo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...