Davide Lucantoni – Poesie da “Mem”

XXI. Il Mondo

È anche il suono che la parola Mondo
fa nel mondo. Ma non significa nulla,
te ne accorgi mentre lo dici

e lo dici così, senza voler dire nulla.

Tutto qui, pensi solo che infondo
siamo venuti al mondo
senz’altro posto dove andare;

e lo senti, che non significa nulla, che
quindi non c’è altro da aggiungere

al modo in cui perfino il mondo
si propaga nel mondo svuotandoti
d’un fiato, come per fare spazio.

*

Come degli illusi

Alla fine restiamo soli distesi sul prato
in piccoli mucchietti di cenere, ognuno

al vertice del suo raccoglimento;

lo stesso prato dove corrono dei bambini
crescendoci incontro.

*


(per non sembrare illusioni)

Fuori, in giardino, c’è un mondo di cose
che non ci sono. Io, ad esempio, non ci sono
e non c’è nemmeno il giardino che vedi tu
fuori da quella che immagini sia una stanza
o una casa, che invece è solo qualcosa
da cui si può uscire. E non è la vita.

Vorrei sapere cosa vedi quando dico
«fuori, in giardino».

Lo vedi forse illuminato a giorno, perché
è più facile, su due piedi, che
immaginare quel verde all’oscuro di sé.
E io, sapendolo, non lo avrei scritto.
Nessuno lo vedrebbe, d’istinto;
d’altronde, nessuno sano di mente
vedrebbe mai, qui, qualcosa
che non c’è.

*


Comparse IV

Resta immobile per un po’, crede di essere morta,
o di vivere nella foto che tiene in mano e la ritrae
in quel modo, con lo sguardo fisso in uno sguardo
assente, l’immagine dell’occhio che affonda nell’occhio
in misura corrispondente alla sua distanza da sé.

*


Il Portavoce I

Telefono a casa risponde mia nonna
e il pappagallo con la mia voce chiede Chi è,
io le dico Passamelo, anzi ora vengo lì.
Chiedo Permesso, apro la porta e saluto
e sempre la mia voce risponde Avanti,
e così alla fine entro. 
L’uomo personificato III

«Gli altri sono fermi in fila e aspettano
voi o una vita, l’un due tre
stella del semaforo oltre il quale
ce ne andremo insieme ognuno
per la propria strada, passando
come quello che ci passa per la mente
o così, come dalle parole ai fatti.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...