Stella Poli – Poesie

Ho voglia di pensarci come una sciarada
irrisolta a venire come i giorni 
quand’è ancora pomeriggio acerbo. 

*

Mi sento il cuore come uno spremiagrumi usato: quando restano, nella convessità della plastica, una serie di filamenti ancora interi,  


come vescichette di un morbo non ancora esplose.

*

Vorrei una fede tonda come il bordo delle ciambelle,  incrollabile come le estati coi fiori di sambuco,  lenta come il tornare 

– passarti le mani sulla schiena  
perché sento le venature del tuo desiderio.

*

Mi piace persino l’angoscia che mi metti
una maledizione piccola 
come concrezione: remora e
intralcio sottopelle, come i parassiti,  
i tatuaggi in polvere di riso 
che emergono – raffinatezza – 
solo al calore estremo.

*

Le parole grandi come i gesti. 
Questo rispecchiamento,  
grafico o viscere. 
Mi spaventi come dovessi amare me. 

(A che serve guardare la luce che si screpola? A trovarvi geografie da ritoccare). 

(A che serve, che il buio si veda?) 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...