Sabrina Amadori – Poesie da “Vuoto frontale”

Ad ogni passo sentiamo
divenire la terra
e noi animati ed eterni
nel silenzio dell’ombra
mentre fuori, ancora
ogni cosa ripete
e non resta che il corpo
la linea gialla
il getto della folla
che si riversa negli occhi.

*

Adesso che il fiato si è spezzato
ti respiro il fianco con la fronte
partire è svuotare le braccia
il peso del condizionale sulle labbra.

*

Ci ritorniamo negli occhi
la bocca raccolta
quel lavorìo per somigliarci.

*

La notte ha l’odore della guerra
del silenzio che precede la resa
il vuoto abissale del mare
le stelle sanguinare negli occhi.

*

L’ordine della sera
si rompe nella cenere,
l’ospedale è un fantasma bianco
tempo spezzato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...