Luca Pizzolitto – Poesie da “Tornando a casa”

Fisso il tuo volto


Fisso il tuo volto nel sipario
della resa, chiedo perdono
per ogni mancato riguardo,
per ogni più piccola distrazione.


Da qui il nostro nome
appartiene al tempo e
dal tempo discende.


Dopo tanta notte le mie mani
cercano il mattino.

*

Cose


Nell’oblio che taglia il cielo,
nell’aria gelida, scura di pioggia,
il canto della sera è un fiore d’argento
strappato alla noia, alla dimenticanza.


Mantengo il terrore di non essere,
di non bastare, di non riuscire:
una quieta distanza da tutte le cose.

*

Prende la forma del desiderio
ogni possibile cambiamento.
Aspetto le strade ricongiungano
i loro distanti orizzonti.


Tutto passa risplende si spegne
svanisce.

*

Resti disteso in mezzo a foglie secche
ed antiche speranze, qui dove l’azzurro
sanguina altro azzurro, qui dove l’autunno
ha un’agonia breve.


Il veleno secca il corpo goccia dopo goccia.
La vita s’incaglia nella vita.
Nascondi il tuo volto tra l’infanzia e la cenere.

*

Ho smarrito tutto perché tutto
è un risvolto incomprensibile.
Giaccio sull’orlo di un luminoso
abisso.
Trattengo le linee del mio volto
in questa tensione immobile
prima del pianto.


Sarà un fiore, un fragilissimo fiore
la fede che invoco e in cui
cerco riparo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...