Massimiliano Perrotta – Dopoguerra

Questo


Questo pane spezzato con amore,
questo pane annegato nell’intingolo,
questo pane nuovo

Presagi


Presagi chiarissimi, presagi
fruibili, presagi prevedibili.

Fuori


Il gatto chiuso nella gabbia
disse: «Vi ho chiusi tutti fuori
stolti sgraziati spettatori».

Bersaglio


Un colpo parte di nascosto,
ferisce il centro del bersaglio
e torna docile al suo posto.

Dopoguerra


Dopo la notte obliqua,
dopo la notte burrascosa,
dopo la vita vera,
dopo la vita vorticosa,
sondare l’aria del mattino
per vincere il nostro dopoguerra.


Questi versi sono tratti da Dopoguerra (Torri del Vento, 2020)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...