Pietro Edoardo Mallegni | Poesie

a cura di Ilaria Palomba


Grigia luna

Non rimane nulla,
anche l’aria mi inorridisce.

Mai avete posato lo sguardo
alla luna lontana;
E pregato che qualcuno,
lassù, guardando la terra,
stesse sognando un inferno
diverso dal suo?

Ho finito la disperazione,
mi rimane il lutto della mia speranza
e una vita,
che, come le chiavi di casa,
scorderò sempre a lavoro.

2217

L’odio della civiltà,
fuori la finestra, mi desola.

Sul letto di spine mi corico:
mi è nemico, il sonno.

Il sapore della morte gradita non mi abbandona.

La fantasia antica del mondo,
dona egoista elogio,
del tempo, nel passare.

E come egli passa, passano i miei giorni,
non esiste che si riesca a contarli,
solo si può dire che sono passati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...