Mauro Lamantia | Formulario

proposta della redazione
da Formulario (Nulla Die, 2021)


Questo vuoto

Questo vuoto
che mi graffia le cellule
è il calice colmo d’amore
ficcato nello sterno
che domanda di versarsi
che ho paura di seccare

Come di marea

Poi questo alzarsi poco a poco
come di marea, dentro
un magma
un irradiarsi di folgore
come la rivelazione che giunge
cogliere un segreto che dev’esserci
un segreto che s’avverte
un segreto

Le campane

Le campane, poi
che spezzano poco a poco
il silenzio arrampicato
sulla roccia
le campane
col loro suono rotondo
col loro canto argentino
come un volo sulla città
arrampicata sulla roccia
le campane le campane
dorate luminose ocra e pietra
argilla e polvere di sabbie antiche
sotto un cielo tutto pieno
il cielo e la pietra
la pietra ed il vento
le storie nel vento
il silenzio infine

un cane da lontano, poi un altro

ed è silenzio ancora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...