Giuseppe Andrea Liberti | Poesie

proposta della redazione


Viscerale

Tra le vie e nelle piazze esplodenti scolpimmo le lingue nostrane
sfrigolanti e grasse cu’ ’e bbuche ind’ ’a pellecchia
e bollono schizzano laviche le bolle d’asfalto e catrame
al centro come un embolo all’arteria più vecchia
zona antica forgiata dal martello del supersantòs
lasciata a lievitare troppo a lluongo e scriscetata.

Tityre tu, sì tu bbè, titubans sub tegmine tubi
vai cacanno ’ncacàglio canzone ’e guapparìa trap
’sta Napule sta addiventanno ’nu fantasma ’e Napule
non so se servirebbe un dipiscièmme o zio Gendo
ma mi resta cara la carta ’nzevata r’ ’o cuòppo
che nell’aere descrive sinusoidi a divinare
le croci ’a se fà pe’ se salvà a ll’armageddon
apparanno curnicielle, scarabei e nishikigoi.

Assembramenti di milf posillipine

Mezzogiorno di sabato a Medina.
Asserragliati fuori la questura
perché s’hanna purtate a dduje cumpagne
r’ ’o movimènto r’ ’e disoccupate.
Che caldo il mezzogiorno a via Medina.

Ora Medina è sgombra e senza voce.
Gli assembramenti stanno nei decreti
e non per strada. Sole, si radunano
le milf posillipine a sse fà ’e bbagne.
È sgombra via Medina, e fa terrore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...