Giovanna Cristina Vivinetto – Dove non siamo stati

Le madri del paese prima di essere madri eranoidee distratte di vento tra le casse di fruttadei loro padri. Con le teste piegate versola luce erano un guizzo nel folto dell’alba– in pugno un mucchio di ciliegie sottratte alla contada snocciolare di nascosto a gambe intrecciatesul greto ricurvo laddove un tempo c’era il fiume. Le madri del paese prima di essere madri eranocorde tese a … Continua a leggere Giovanna Cristina Vivinetto – Dove non siamo stati

Rosario Dipasquale – Poesie da “Condense”

La metrica delle circostanze non è che ubriaca E il ritmo regolare è solo leggenda: la scansione degli attimi è sincope e contrattempo  Si ripropone la cerimonia dell’addio e il più lungo, e consueto seguito di sottintesi – illusioni sfibranti condensate a furia sull’orlo del distacco a reclamare un’esistenza qualsiasi –  L’abitudine, quasi fatta, suggerisce un copione mai completamente digerito e, se non c’è strazio, certo, qualcosa graffia  – I secondi vanno per le … Continua a leggere Rosario Dipasquale – Poesie da “Condense”

Nico Cavaniglia – Poesie

a cura di Ilaria Palomba * Inferno di pietra Sole, illuminami in questo limbo…Giaccio oppresso da forze indicibili, ignote, potenti.Penetrano nel mio corpo rendendomi sterile, spalle al muro tremano le mie gambe,serpi, topi e animali immondi rodono i miei piedi…trafitto il mio addome sanguina di dolore occulto.Belve ruggenti avanzano lente verso di me, feroci minacciano… giungono avvoltoi a scalfire il mio capo chino e assaggiano … Continua a leggere Nico Cavaniglia – Poesie

Lorenzo Pataro – Poesie

Spargo i miei organi in vendita sul letto come Lego i bambini sul tappeto tu leghi le ossa alle ringhiere perché al posto delle ali gli angeli ne facciano stampelle i corpi sono scambi di lamiere di croste marce di ferite ieri pendeva dal tuo orecchio il fegato in cancrena di un rondone. * Sulle ossa dei santi una rondine cava un grumo di sangue … Continua a leggere Lorenzo Pataro – Poesie

Antonio Fiori – I poeti del sogno

Lucio Faleno Magno Celebre in epoca augustea – anche per essere nato e deceduto negli stessi anni dell’Imperatore Augusto, come un predestinato alla gloria – apparteneva a una famiglia patrizia che oggi definiremo liberal, che lo crebbe nel rispetto della natura e delle arti, e nelle gentilezze del convivio e delle humanitas. Poeta delicato, fece un uso molto originale dell’epigramma con ricorrenza tematica della brevitas … Continua a leggere Antonio Fiori – I poeti del sogno

Víctor Rodríguez Núñez – Poesie

a cura di Marisol Bohórquez Godoytraduzioni di Gianni Darconza * Víctor Rodríguez Núñez (L’Avana, Cuba, 1955) è poeta, giornalista, critico, traduttore e professore universitario. Ha pubblicato quattordici libri di poesia, quasi tutti premiati, uno dei quali, dal quale sono tratte le seguenti liriche, è despegue (Madrid, Visor, 2016), Premio Internazionale di Poesia della Fondazione Loewe, e pubblicato in italiano da Raffaelli Editore col titolo decollo … Continua a leggere Víctor Rodríguez Núñez – Poesie

Arianna Vartolo – Poesie

Tutte le notti è uno sfebbrare insonne di vissuti e di abiti troppo stretti: tra merletti di un intimoricamato e intimità lise; è tosse che – crisi – divide dentroe fuori a convulsione. Ultimo segno di purificazione il corpolascia sul cuscino bianco e le coperte gualcite: umido di sudore; umido di umore. * Un corpo a corpo, della lotta è un corpoquello che compromesso rimanenella debole sua … Continua a leggere Arianna Vartolo – Poesie

Andrea Castrovinci – Poesie

a cura di Pietro Romano * Il tuo abbandono, un altro volo oscurosenza schianto, precipitare buiolungo tremiti,rannicchiarsi fetalmente al pianto.Lasciarsi inghiottire nuovamentedal desiderio virulentoche sogghigna “molla”, mentretutto intorno non ha pace, è lucido e confusoslabbrato dal suo senso,dal senso che tu avevi dato. Perché ridarmi, tu, questa asfissia di senso,l’indistinzione tra io e mondo, il solea riscaldare guance di inappartenenzaa me io corpo(o questo vuoto … Continua a leggere Andrea Castrovinci – Poesie

Pillole di poesia #1 – Nadia Agustoni

a cura di Ilaria Grasso fotografia di Dino Ignani * Nadia Agustoni scrive poesie e saggi e tra un verso e una riflessione lavora in fabbrica come operaia a Bergamo dove è nata. Nelle sue raccolte scandaglia i temi del lavoro e delle mutazioni dei paesaggi in seguito all’industrializzazione feroce. Denuncia costantemente le condizioni degli operai nel contesto lombardo, quello che abita e quello in … Continua a leggere Pillole di poesia #1 – Nadia Agustoni